al polso di McQueen...che cos'è....?

Discutiamo di orologi militari e assegnati

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda beddo72 » martedì 1 febbraio 2011, 19:29

Come volevasi dimostare........the best of celestografh :thumright: :wink:
Avatar utente
beddo72
Gold User
 
Messaggi: 3826
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 9:14
Località: Romano de Roma

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda celestograph » martedì 1 febbraio 2011, 19:41

Per rispondere a Lele circa il movimento da lui postato posso dire che il tutto appare più povero e mal rifinito, ad esempio mancano i rubini sulla ruota di centro e sul contatore dei minuti sostituiti da semplici boccole Pare mancare una grossa vite di registro poszionata solitamente nell'incavo del ponte della cronografia. In buona sostanza pare un movimento molto malmesso e riparato alla benemeglio :D :D :D
Avatar utente
celestograph
Moderatore VP
Moderatore VP
 
Messaggi: 5286
Iscritto il: domenica 12 settembre 2010, 20:12
Località: emilia

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda beddo72 » martedì 1 febbraio 2011, 20:25

celestograph ha scritto:Per rispondere a Lele circa il movimento da lui postato posso dire che il tutto appare più povero e mal rifinito, ad esempio mancano i rubini sulla ruota di centro e sul contatore dei minuti sostituiti da semplici boccole Pare mancare una grossa vite di registro poszionata solitamente nell'incavo del ponte della cronografia. In buona sostanza pare un movimento molto malmesso e riparato alla benemeglio :D :D :D


Allora, non avevo visto cosi' male in ambito manomissioni alla buona :wink:
Avatar utente
beddo72
Gold User
 
Messaggi: 3826
Iscritto il: martedì 18 novembre 2008, 9:14
Località: Romano de Roma

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda speedmaster71 » mercoledì 2 febbraio 2011, 12:32

eparisini ha scritto:Questo come vi pare?

Io non ci capisco nulla...

Sembra buono, se non fosse che è privo di ghiera...
Avatar utente
speedmaster71
Rookie
 
Messaggi: 117
Iscritto il: venerdì 8 agosto 2008, 16:50
Località: MI

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda eparisini » mercoledì 2 febbraio 2011, 16:34

Manca la ghiera è stato rimediato più che aggiustato... riportarlo agli antichi splendori con queste premesse è un bagno di sangue, meglio lasciarlo dov'è se non hai i pezzi di ricambio :scratch:
eparisini
 

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda salgi56 » giovedì 3 febbraio 2011, 14:19

Nel 1939,l' RLM (ReichLuftMinisterium),emanò delle specifiche,rigorosissime,riguardo un cronografo (Fliegerchronograph)da assegnare ai piloti dei reparti da caccia della Luftwaffe.Due aziende tedesche,la Hanhart e la Glashutte,misero a punto due cronografi,avanzatissimi per l'epoca,dotati di sistema antiurto Incabloc,quadrante nero con indici e lancette al radio,corona di grandi dimensioni,tali da facilitare l'impiego con i guanti,uno o due pulsanti (a pompa) e caratteristiche di impermeabilità,tali da sopportare eventi quali un ammaraggio forzato.Parlando degli Hanhart,dotati del movimento di manifattura 40,da 15,5''' (mm. 34,97),dobbiamo ricordare che vennero realizzati in differenti versioni:
- Due pulsanti,lunetta godronata girevole,con riferimento rosso,funzione flyback
- Due pulsanti,senza lunetta girevole,funzione flyback (utilizzata dagli ufficiali dell'artiglieria contraerea (Flak) e da ufficiali della Werrmacht).
- Un pulsante,lunetta godronata girevole,con riferimento rosso.

La cassa era in ottone cromato,con anse fisse od a molla,il fondello era in acciaio inossidabile;a tal proposito,sul fondello,erano riportati il numero di serie e le caratteristiche tecniche.Furone realizzate anche versioni "civili",anche dorate,o,con quadrante bianco,acquistate privatamente dal personale.Anche la Kriegsmarine,utilizzò gli Hanhart,contraddistinti dalla Reichadler su una M.
L'utilizzo militare dei cronografi Hanhart,non cessò con la fine delle ostilità:Infatti,l' Armèe de l'air francese,utilizzò il mod. 53 Type 20,marcato **** ed inoltre,negli anni '50,la Bundesluftwaffe,adottò questo orologio,marcato 6645-2-120-4858,secondo i codici NATO.
Dopo questa premessa (mi auguro che non vi siate addormentati),desidero dire che,l'orologio postato da Lele,è un esemplare tipico della 2 G.M.,del tipo a due pulsanti,con lunetta fissa;riguardo alle condizioni del movimento,dimostrano che esso è stato riparato,in situazioni disagevoli,quali quelle in cui si poteva trovare un riparatore nell' inverno russo o sotto il torrido sole dell' Africa settentionale!Proprio a causa di ciò,e,dell'intenso uso,è difficile trovare esemplari in condizioni dignitose e la cifra,espressa da Giovanni,non si allontana dalla realtà.
Salvo.
Avatar utente
salgi56
Moderatore VP - Vincitore VP Quiz
Moderatore VP - Vincitore VP Quiz
 
Messaggi: 1304
Iscritto il: giovedì 9 settembre 2010, 20:58
Località: CATANIA

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda celestograph » giovedì 3 febbraio 2011, 17:44

Salvo, sempre impeccabile :thumright:
Avatar utente
celestograph
Moderatore VP
Moderatore VP
 
Messaggi: 5286
Iscritto il: domenica 12 settembre 2010, 20:12
Località: emilia

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda passionesub » martedì 27 novembre 2012, 23:34

Cmq...( cfr il 1° e il 2° Knirim ) Hanhart usciva sia con ghiera di puntamento orario che senza ( come ha mirabilmente spiegato gia' @Salgi
E il successivo prodotto nella Germania Est monta calibro uguale ma cassa completamente differente...spesso erano laminate, fonndelli a 6 tacche minimo e non
con tre punti di innesto o a baionetta ( Glashutte GUB UHR ...orologio tipico di quegli anni era lo " Spezimatic " )
L'Hanhart postato da Epa, cmq, e' senz'altro modello pre anni '50.....almeno dalle iscrizioni sul fondello esterno e dalla sua chiusura....o, in ogni caso, ancora costruito secondo i dettami tipici anche della Glashutte/Tutima prima dell'annessione alla germania Democratica.....
Infatti i successivi T./G. montavano ancora l'UROFA 59, poi denominato 1.MUS...giacche' la produzione passo' in terra sovietica, prima a Kiev e poi, dal 1947, a Mosca.
passionesub
Gold User
Gold User
 
Messaggi: 4165
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2008, 14:46
Località: Milano...il liceo Carducci, S.Satiro e le 5 vie e il naviglio in S.Marco che ho visto scoperto...

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda seikosha » mercoledì 15 maggio 2013, 13:15

Sicuramente veste una giacca Barbour International...... :D Se non erro è la foto della nota pubblicità.
Circolano altre foto di quella occasione.... forse alcune più eloquenti ai fini della precisa individuazione dell'orologio.
Avatar utente
seikosha
Steel User
 
Messaggi: 304
Iscritto il: lunedì 12 marzo 2012, 13:54
Località: Terre del Pelloni

Re: al polso di McQueen...che cos'è....?

Messaggioda Klaus » lunedì 20 maggio 2013, 13:45

speedmaster71 ha scritto:Dovrebbe essere l'Hanhart type 417, uno dei primi modelli in acciaio, creato per la Luftwaffe negli anni '50. Funzione flyback ed una produzione totale di 1,000 pezzi...direi molto raro.



Esatto, bravissimo:
non si tratta del più comune Hanhart della Luftwaffe del Terzo Reich, ma di quello post bellico.
La meccanica è livemente diversa da qualla montata dal suo predecessore ed è più o meno quella montata dal Vi.xa Type 20.
http://www.knirim.de/xhanh.pdf

Immagine

Peraltro, a proposito del Vi.xa Type 20 pare che sia una leggenda da sfatare che ne furono forniti 6.000 alla Francia "come risarcimento di guerra".
Ciò per due motivi:
1) pare che il debito di guerra della Germania sia stato congelato e sospeso a partire dal 1951, nei confronti di Francia, USA e UK e nel 1953 anche nei confronti dell'URSS... Peraltro con il Piano Marshall in corso e dopo la pessima esperianza del primo dopoguerra sarebbe stato assurdo costringere un paese, a terra, a pagare debiti enormi. L'Italia ha siglato un accordo, in materia, nel 1947. I contratti di fornitura dei Type 20 sono stati eseguiti a partire dal 1954, dunque... che c'azzeccano i risarcimenti di guerra, sospesi anni prima?
2) i debiti di guerra hanno un'enorme sfilza di zeri... dubito fortemente che 6.000 orologi abbiano fatto la differenza e si possano rintracciare in un simile enorme calderone...

Pare piuttosto che un imprenditore, stabilitosi a Besancon, abbia acquistato da Hanhart il grosso lotto di 6.000 orologi da rivendere alle FF.AA. francesi, con il marchio Vi-xa...
Le meccaniche sono lievemente semplificate, sull'orologio "francese", e prive, per esempio, di antiurto:
Immagine

La leggenda continua e ci dice anche questo signore sarebbe diventato, dopo, vicepresidente della Timex Francia, ma nessuna delle diverse fonti che parlano di questo rivela il nome di questo imprenditore.
Non sono riuscito a trovare tracce della produzione della sua ditta prima e dopo i type 20: con quel marchio negli anni 20/30 si producevano lampadine, in Francia.
Oggi, invece, la titolarità del marchio pare sia contesa tra due aziende, ma quello che interessa a noi è la "vecchia Vi-xa", quella degli anni '50, non la nuova.
Avatar utente
Klaus
Moderatore VP
Moderatore VP
 
Messaggi: 868
Iscritto il: sabato 2 agosto 2008, 14:32
Località: Roma

Precedente

Torna a Orologi militari



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron