Pagina 1 di 1

Milgauss

MessaggioInviato: venerdì 12 aprile 2013, 21:06
da lui
Le fabbriche di orologi si sono sempre adeguate al progresso e allo sviluppo tecnologico cercando di non rimanere mai indietro.
Nel dopoguerra alcune case orologiere si uniformarono alle nuove tendenze della clientela: orologi non più solo come oggetto elegante e di lusso, ma anche come strumento professionale e con specifiche caratteristiche di utilizzo lavorativo.
Un esempio pratico è accaduto nei primi anni 50 quando alcune industrie orologiere incominciarono la produzione di alcuni modelli antimagnetici pensando a coloro
che lavoravano in ambienti come le miniere, i laboratori scientifici e la nascente industria nucleare.
Tra i modelli più importanti che limitavano gli effetti deleteri delle radiazioni elettromagnetiche erano: Patek Philippe con il modello amagnetic

Immagine
Immagine

La IWC con l'ingenieur

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

La Blancpain con fifty fathoms milspec 11

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

L'omega railmaster

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

e la rolex con il famoso Milgauss:

Immagine

Quest'ultimo vide la luce nel 1954, subito dopo la fiera di Basilea. Si presentava sostanzialmente come una rvoluzione dei modelli Submariner, ma con un
particolare quadrante a nido d'ape, la grafica in rosso ed all'interno la presenza di un secondo fondello in puro ferro magnetico così da formare una vera e
propria " Gabbia di Faraday "

Immagine

I primi modelli si caratterizzavano dalle lancette a foglia o dauphine e inserto della ghiera simile alla referenza 6204.

Immagine
Immagine

Poi furono introdotte una lancetta dei secondi centrali dalla particolare forma a " saetta " . I calibri usati furono il 1065M , il 1066M e il 1080, tutti automatici.
Il nome fu scelto per evocare la capacità di mille Gauss ( unità di misura del magnetismo ).
Se pensiamo che un orologio normale subisce alterazioni già intorno ai 100 Gauss di magnetismo, immaginiamo il grande risultato ottenuto dai costruttori del
Millgauss. Contrariamente a ciò, questi orologi non incontrarono un grande successo di pubblico, difatti erano presenti nel listino, ma si potevano acquistare
solo su ordinazione e, quando si raggiungeva un congruo numero di ordini, la Rolex ne provvedeva alla produzione.
Questo fa capire quanto siano rari e se, conservati tutti originali in ogni loro parte, hanno una quotazione di tutto rispetto che può raggiungere anche i
cinquantamila euro.
La seconda serie del Milgauss, fu prodotta con la referenza 1019 dal 1966 al 1986

Immagine

Anche questa referenza nei 20 anni di produzione non ha mai raggiunto un significativo successo di vendita.
La rarità di questo modello ne fa una delle chicche ricercate dai collezionisti di tutto il mondo nelle aste dedicate agli orologi facendone lievitare vertiginosamente i prezzi.
Certo che il Sig. Gauss non avrebbe mai immaginato che sarebbe stato ricordato più per il suo nome prestato ad un orologio che per l'importanza della sua
scoperta scientifica.

N.B. le immagini di questo post sono state prese dalla rete.

Re: Milgauss

MessaggioInviato: sabato 13 aprile 2013, 12:12
da celestograph
interessante disamina alla quale aggiungerei il modello scientigraf di eberhard


Immagine

immagine presa dalla rete -solomega courtesy

Re: Milgauss

MessaggioInviato: sabato 13 aprile 2013, 21:06
da baccaro
Stupendo topic.. Grazie..

Re: Milgauss

MessaggioInviato: sabato 13 aprile 2013, 21:15
da passionesub
Bravo Maurizio. Ma anche il " DefyGauss " di Zenith, e, ma specifico dei militari, il Mark XI di JLC, con quadrante in ferro dolce e cap pure, e
il Mark XI di IWC anche questo abbastanza amagnetico.
E, abbastanza recente, il + " potente " di tutti.
Lo " Skinny Ingenieur " dell'IWC, referenza 3508, il primo a " ribaltare " il concetto della sua costruzione intrinseca. Non " componenti " amagnetici come quadrante e cap, ma l'intero movimento costruito ( in joint-venture con la N.A.S.A. ) in modo da resistere addirittura a campi fino a 500.000 A/m. ( nel movimento base, un ETA, ogni
elemento dello scappamento : bilanciere, spirale, ancora e ruota d'ancora, vennero sostituiti con pezzi in leghe termoindurenti a " esigua magnetizzazione indotta " e progettati anche in collaborazione con il prestigioso Istituto Straumann di Waldenburg )
Pubblicizzato come " l'orologio con cui puoi fare una T.A.C. ", con bilanciere montato manualmente e regolato singolarmente per resistere sia sotto
influenza di campi magnetici che non ( paradossalmente fu' questo l'inconveniente da superare ) resta un traguardo di tecnica ancora insuperato. Proprio per l'altissimo costo affrontato dalla brand, e l'impossibilita', al tempo, di proporlo ad un prezzo che potesse recare un ritorno economico, i pezzi totali prodotti
in acciaio pare non superino le 700 unita'....e, pochissimi anni dopo, la produzione cesso'.
IWC aveva gia' prodotto la referenza 3150 ( cal IWC 375 ) con bussola e componenti amagnetiche, cassa e bracciale rivestite in PVD, con maglie di 5 cm.,
da utilizzare in campo militare ( e civile ) come scala per lavorare sulle mappe.
In ogni caso bastano quelli presentati dall'opener per illustrare magnificamente questa particolarissima categoria di segna tempo.

Re: Milgauss

MessaggioInviato: sabato 13 aprile 2013, 21:35
da passionesub
A piccola integrazione...il Milspec I mostrato in prima foto NON e' un modello amagnetico ( o cmq non concepito per questo ) bensi' e' fornito di indicatore sopra al 6 per
allerta/infiltrazione di umidita'. Il secondo ( un Fifty-Fathoms ) ha indicatore " no-radiation ", con indicazione sotto di uso di trizio sul quadrante non superiore ai 25 millicurie, sostituito al primo modello, appunto, che usava Radium.
( nota la procedura di sepoltura di tanti Milspec " dopo dismissione " .....in ottemperanza alle normative militari U.S.A. )